La vacanza inizia dal progetto, dall’ideazione degli itinerari, dalla costruzione del programma delle giornate da vivere. Oggi il viaggio è un bene primario e tantissimo sono i mezzi a disposizione del viaggiatore per scegliere e comporre la propria avventura.

Nasce tutto dall’idea di viaggio per poi concretizzarsi con il tangibile, o meglio tutto il patrimonio turistico che il nostro paese l’Italia mette a disposizione. Rispetto a molto tempo fa, ogni utente grazie al web può trovare informazioni sempre più dettagliate per gestire al meglio la sua permanenza nel territorio desiderato.

In pochi anni il settore turistico è stato colpito da un’onda digitale, un fenomeno globale, che ha generato nuovi concetti e nuove tipologie di turista. Secondo PhoCusWright il settore turistico italiano crescerà nel 2015 del 10% e crediamo che la crescita nei prossimi anni sarà ancora maggiore.

Sempre più siti dedicati alle aree vacanze, a zone specifiche, siti di booking, hotel e di itinerari per non parlare di quegli aggregatori che puntano alla promozione di vasti territori.

Molte sono le agenzie viaggio multimediali, i tour operator dedicati e agenzie o aziende di Destination Management che creano territori e prodotti turistici tramite la comunicazione di brand turistici.

Non mancano le App, che portano il viaggiatore a rivoluzionare il modo di scoprire il territorio e di averlo a propria disposizione nel suo telefono. Oggi le migliori App sostituiscono le mappe cartacee e forniscono servizi aggiuntivi in tempo reale, ecco che l’usufruitore della vacanza potrà evitare di perdere tempo prezioso.

Oggi il viaggio viene modellato e strutturato da chi ne usufruisce e questo deve essere un punto fondamentale per chi opera nel settore. Che ne pensate? Quale potrà essere il futuro del viaggio secondo voi?

Aiutaci a Crescere!